mercoledì 19 settembre 2007 Posted by Freddy at 16:19

Economia nuova, problemi vecchi

Probabilmente quello che manca agli irlandesi e' la capacita' di organizzare, coordinare e guardare al futuro. In pratica si fanno le cose senza pensare alle conseguenze positive o negative che siano.

Che significa, e che vuol dire il titolo del post?

Semplice, l'economia per adesso tira e si finanziano cazzate a suon di centinaia di milioni di euro senza preoccuparsi dei vecchi problemi e di quelli che le nuove infrastrutture potrebbero portare.

Ed ecco che si investono
  • 296 milioni di euro per il nuovo terminal dell'aeroporto (che se l'economia va a puttane non servira' probabilmente ad una mazza anche perche' il turismo non viene incentivato come dovrebbe).

  • 200 milioni circa per la costruzione del nuovo stadio

  • Un altro centinaio di milioni abbondanti per prolungare la linea tramviaria verso la zona del porto (solo per aumentare il valode degli immobili in costruzione visto che le linee rossa e verde non sono neanche collegate tra di loro come e' normale in altri peasi).

  • Una cifra imprecisata per il tunnel sulla M50 che ha eliminato il traffico pesante dal centro citta' per poi, oooopssss, paralizzare con lo stesso traffico la M50 stessa.

  • Altri soldi (non mi pare siano state divulgate cifre) per, indovinate, l'espansione della M50 paralizzata dal traffico di cui sopra.
Pero' in piu' di un decennio di economia galoppante vengono lasciati indietro:
  • Il sistema ferroviario esistente, con ampie tratte monobinario (si spacca uno scambio o un segnale e si parallizza tutto come e' successo 2 settimane fa)

  • Il sistema sanitario (le infezioni da agenti resistenti agli antibiotici sono all'ordine del giorno e si tagliano gli stipendi alle infermiere)

  • Il sistema idrico (scarsa pressione nella rete idrica, carenza di acqua, acqua inquinata da due diversi tipi di batteri a Galway)

  • Le scuole (affollate e che discriminano in base alla religione)

  • La ricerca sul cancro (si investono in ricerca 12 milioni di euro l'anno contro i 270 circa degli UK)

  • I senza tetto (non si costruiscono case popolari, il governo non ci guadagna niente)

  • I poveri (si stima che 100.000 bambini vivono sotto la soglia della poverta', forse investiranno 6 milioni di euro per fare qualcosa. Ma cosa?).
L'impressione e' che ci sia la corsa a costruire infrastrutture alla bell'e meglio finche' c'e' la possibilita' (per poi lasciarle andare in rovina o farle funzionare in maniera risibile rispetto al resto d'europa) senza pensare a cosa succederebbe se i soldi finissero all'improvviso.

Contemporaneamente si tralasciano, ed e' inaccettabile considerando i miliardi di euro che il governo ha macinato in questi ultimi anni, problemi che erano prioritari gia' 20 anni fa.

Davvero non capisco: ci sono o ci fanno?

Unica nota positiva, qualche fesso voleva l'energia atomica (vuoi il nucleare quando non sai capace di gestire i tornelli di una stazione del treno?!?), ma per adesso per fortuna non se ne fa niente... :)

0 comments: