giovedì 24 aprile 2008 Posted by Freddy at 17:50

Dove finiscono i soldi?

Natalie dalla Russia con amore, si chiede dove vadano a finire i soldi della florida economia irlandese esprimendo anche perplessita' sulle infrastrutture esistenti:

(Clicca per ingrandire)

Sui treni dice:

[...] prendo il treno tutti i giorni per andare da Donabate a Blackrock. Una volta a settimana c'e' un ritardo o un guasto o il treno e' semplicemente lento. [...] Da dove se ne vengono fuori con la storia del 99.1% di puntualita'?

Vengo da un paese "in via di sviluppo" (come piace dire alla gente di qua), la Russia. La nostra metropolitana ha treni che passano ogni 3 minuti per ogni direzione e non c'e' mai un ritardo o un guasto. Puoi andare da una parte all'altra della citta' in 20 minuti, garantito!

Certo, potreste dire che e' diverso perche' e' una metropolitana. Prendete un treno. Da Mosca alla mia citta' ci vogliono 12 ore e il treno arriva alle 8 e 4 minuti! Non mi ricordo una sola volta in cui il treno sia arrivato dopo le 8 e 5.

Sulle infrastrutture:
Dov'e' la ricca economia irlandese? Non la vedo.

Non ci sono bus, non ci sono treni veloci, niente metro, niente scuole, niente ospedali come si deve, dov'e' che vanno i soldi del "tesoretto" ?

Tutto quello che vedo sono i palazzinari che si arricchiscono costruendo complessi immobiliari in mezzo ai campi senza che ci siano poi mezzi di trasporto o infrastrutture
(ndr: di recente e dopo che il danno era fatto e' stata fatta una proposta di legge per vietare questa pratica).

Non ho mai sentito parlare di un circo per i bambini, o di un teatro per l'opera, o di centri sportivi dove la gente possa andare a fare esercizio o a nuotare e via dicendo senza dover pagare in anticipo una quota per l'intero anno.

Premesso che ovviamente Natalie ha una visione idealizzata della Russia perche' sicuramente anche anche li' ci sono guasti e ritardi (anche se non quotidianamente), si accettano scommesse su chi sara' il primo fesso a commentare che se non le sta bene se ne puo' tornare a casa sua.

In palio c'e' il famoso premio ottusangolo gentilmente offerto dalla camera di commercio di Dublino.

9 comments:

bacco1977 ha detto...

Le Russe hanno sempre ragione. Son troppo belle per contraddirle...

Scherzi a parte...Sui trasporti credo siamo tutti d'accordo...giusto?


andima ha detto...

beh sempre meglio che salire sul treno in questo modo:

http://www.youtube.com/watch?v=GlNyCHlLt1Y
(da guardare fino alla fine, assurdo, e' un winzip umano...)
:D

ahahaha, ok scherzi a parte, sono d'accordissimo con voi, quando ho letto l'articolo anche io ho pensato la stessa cosa! sono troppo permalosi qui per non dire "torna a casa se non ti trovi bene qui", mah...


Freddy ha detto...

E' impressionante da vedere, ma quei treni accumulano un ritardo medio di 22 secondi l'anno (il tempo di caricamento dei passeggeri e' previsto nelle timetables).

E non ho sbagliato a scrivere. :)


Fabio Corazza ha detto...

Natalie ha riportato i motivi per i quali io me ne sono andato..

Non so se la situazione migliorera' a breve, ma di sicuro non prima di 10/15 anni.


antonio ha detto...

Scusate ma cosa c'e' da essere permalosi nel dire che se uno non si trova bene se ne va? Fabio Corazza, che io conosco, non si e' trovato bene e se n'e' andato.

Quello che dico da secoli e' che se una persona ha tutto questo disagio per dublino, che e' una merda, sporca, i treni sempre in ritardo etc, perche' non andare via? Non si sta mica cacciando nessuno, lo facciamo per voi e per la vostra salute mentale e fisica.

Altrimenti uno dovrebbe avere l'onesta' di dire che resta solamente per i soldi, perche' altrove non lo pagherebbero cosi' tanto.


Freddy ha detto...

Antonio, di solito la frase "se non ti sta bene vattene" (o la sua variante "togliti dai coglioni", vedi commenti a post precedenti), sono tipici di chi non ha da argomentare. Da qui l'essere "permalosi".

Per quanto mi riguarda me ne andro' tra un paio d'anni, prima proprio non posso.

Nel frattempo continuo a fare contenti quelli che mi leggono che senno' in ufficio si annoierebbero.


bacco1977 ha detto...

Infatti. Continua a scrivere.

Una curiosita'. Tra due anni pensi di muoverti sempre all'estero o di tornare nel bel pasese?

Ovviamente la domanda e' personale quindi puoi tranquillamente non rispondere.
Salutoni


Freddy ha detto...

Tornare in italia? Non l'ho mai messo in conto.

Io me ne sono andato perche' vedevo la barchetta italia affondare anno dopo anno, non perche' non mi pagassero bene.

Dovro' andare in un altro paese, preferibilmente anglofono, purtroppo (ma c'e' chi non lo capisce) non puoi andare ad esempio in USA o Canada come turista e cercare lavoro.

Nel primo caso e' esplicitamente vietato, nel secondo non faresti in tempo a procurarti un visto e dovresti comunque uscire dal paese e rientrare.

L'alternativa sarebbe quella di imparare l'ennesima lingua straniera e rimanere in europa, ma piu' di 4 in testa proprio non ne riesco a tenere... :)


Oscuro ha detto...

Scusate se faccio un ragionamento un po' piu'complesso ma senza i soldi della speculazione immobiliare non ci sarebbero quelli per le infrastrutture.Senza tasse ridicole e incentivi non ci sarebbero che pecore.Il resto sono chiacchiere.Ha senso stare qua se vuoi avere opportunita'che un paese che ti tassa al 60% piu le spese di burocrazia non ti puo' dare.
Se non ci fosse una lingua tremenda direi che la danimarca e' il miglior paese al mondo dove vivere.Bella gente,belle gnocche,divertimento,lavoro e buoni stipendi.