mercoledì 14 gennaio 2009 Posted by Freddy at 19:35

Nortel va in amministrazione controllata.

Milleduecente (1200) to go a Belfast, trecento (300) to go a Galway?

Qua l'agenzia ripresa da IrishTimes.

Per chi mi chiedeva un "articolo" sulla situazione dell'IT in irlanda, posso solo parlare di impressioni: mi pare di vedere molte meno posizioni pubblicizzate direttamente dalle aziende (di posizioni finte tenute artificialmente in vita dai parassiti che vanno sotto il nome di "recruiters" ce ne sono a palate).

Ad ogni modo quello che c'e' non mi sembra particolarmente entusiasmante, ma va sempre tenuto conto che qua prevalentemente si fanno supporto e delivery, solo a costi piu' alti che in india o libano (si', anche nel medio oriente iniziano a proporsi per questi lavori)...

In generale ho notato che nelle ultime tre settimane ci sono stati tagli praticamente ovunque, anche in aziende che non impattano l'irlanda direttamente, come ad esempio Asus, Lenovo e Seagate.

Entro la fine della settimana si dovrebbe sapere di piu' sui presunti layoff di microsoft, entro il 25 si dovrebbe pronunciare anche IBM, vedremo se e quanto l'irlanda ne sara' interessata.

L'immagine e' quella di una festa in cui gli ospiti iniziano ad andarsene e si incominciano a intravedere piatti e bicchieri da lavare e il pavimento da pulire.

Ma chi lo pulira' questo pavimento?

12 comments:

bacco1977 ha detto...

non noi.....


Anonimo ha detto...

Molte meno come numero quello penso sia inevitabile... ma la situazione stipendi? In calo anche quelli o ancora più o meno reggono?
Ovviamente mi riferisco a posizioni più qualificate, non a ruoli di supporto che come dici andranno prima o poi in India (anche se sulla qualità del lavoro degli indiani ci sarebbe da discutere...)


Freddy ha detto...

PEr quanto riguarda gli annunci mi sembra di vedere una flessione nei range offerti.

Colleghi in altre aziende mi hanno detto che ci sono una serie di provvedimenti in corso tipo uscire prima in modo da ridurre l'orario di lavoro, alcune azienda hanno proibito gli straordinari, altre hanno bloccato le salary review e i bonus.

Non e' uno scenario incoraggiante...


Anonimo ha detto...

Vabbè, comunque immagino che rimangano cifre ancora molto superiori a quelle italiane (dove spesso i bonus sono optional e le salary review non hanno cadenza annuale nemmeno in tempi di pseudo vacche grasse)... o no?


Freddy ha detto...

Dipende da come eri abituato a vivere in italia e a che aspettative hai.

Se vuoi vivere da solo, se consideriamo il costo degli affitti, del cibo e dei trasporti, nella maggior parte dei casi i disagi secondo me non valgono lo sforzo.

Se vuoi vivere come uno studentello universitario per tutta la vita e considividere casa con degli emeriti estranei (il flat sharing qui e' normale), cosi' da poter mettere piu' soldi da parte, potrebbe valerne la pena, ma again spesso anche questo disagio non vale lo sforzo.

Tutto e' soggettivo, altrimenti sarebbe per tutti un paradiso...


andima ha detto...

confermo da me bonus e salary review tutto bloccato da 2 mesi, non so se il mio e' un caso particolare visto che la mia azienta, totalmente irlandese, payzone, sta precipitando a picco senza via d'uscite.

e sono convinto che la colpa e' da applicare ai tipi del business qui, emeriti inetti (e sono stato un signore):)


bacco1977 ha detto...

io ho avuto review e bonus.
Ma sono stato uno dei pochissimi.

Comunque tutto e' soggettivo, coem dice freddy.
Resta il fatto , e ribadisco, che epr ora e' meglior imanere DOVE SI E'.


Anonimo ha detto...

@Freddy: sugli affitti irlandesi (che riporti tu e che leggo sui siti) non vedo queste differenze abissali, abito a Roma e se vuoi rimanere entro i 1000 euro di affitto devi andare in periferia, che spesso vuol dire fare 15-20km di code per andare al lavoro.
Diciamo che in generale sul costo della vita in Irlanda l'idea ce l'ho abbastanza precisa, più che altro mi interessano notizie fresche sul mercato del lavoro.
@Bacco: di certo non partirei all'avventura, ma solo con una opportunità conveniente in mano... e per quanto vada male in Irlanda, qui in Italia la previsione per quest'anno è -2% e soprattutto la ripresa (per modo di dire visti i precedenti) arriverà molto dopo gli altri paesi.


Freddy ha detto...

Mah, qua la previsione di crescita e' almeno -4.1.

Sugli affitti fatti un giro su www.daft.ie ma considera che se trovi casa a 850 euro fuori dal centro poi o ti spacchi il fegato con i trasporti locali o ti compri una macchina.

Considera tempi di percorrenza tipo 90 minuti per fare 10 KM in autobus la mattina...


Anonimo ha detto...

Si, ma probabilmente appena la ripresa arriverà in America (e con tutti i soldi che stanno mettendo sul piatto in un modo o nell'altro la faranno arrivare) l'Irlanda avrà qualche ricaduta, mentre in Italia anche negli anni di grazia non si è mai andati oltre un misero 1,5% di crescita. E poi l'italico -2% secondo me è da ottimisti visto che non si sta facendo niente.
Hai ragione i trasporti di Dublino fanno abbastanza schifo, ma che "fuori dal centro" a Dublino vuol dire "quasi al centro" a Roma e comunque anche qui i tempi di percorrenza sono più o meno gli stessi. Ti va bene solo se abiti e lavori vicino alle stazioni della metro, ma ce ne sono solo due di linee e in quelle zone i prezzi delle case sono alle stelle :(


Anonimo ha detto...

Ragazzi in america è fallita giusto oggi Circuit City inc., la seconda catena di negozi hi-tech degli USA (una specie di Mediaworld o Euronics americana).

La primavera arriverà con le rondini molto "incazzate"...


Anonimo ha detto...

a proposito Freddy...tieni d'occhio i dati del turismo in Irlanda. Le combriccole europee per le vacanze studio e gite universitarie ce ne saranno sempre meno.

Comunque sarebbe meglio così: di giovanotti italiani a zonzo per Dublino o a cazzeggiare tra un pub e un McDonald ce ne sono già troppi!