martedì 25 dicembre 2007 Posted by Freddy at 09:33 11 comments

Buon Natale Turi

Buon natale a tutti, specialmente a quel bambino Palermitano che s'e' svegliato alle 7 e 25 per cercare su internette "baldracche".

No Turi, anche se sono vestite di rosso, quello che cercavi tu si scrive "Babbo Natale".

Ah, e di' a papa' di smetterla di fare la stessa ricerca dal PC dell'ufficio, quello del Comune di Palermo, perche' senno' l'anno prossimo non potete fare ne' l'albero, ne' il presepio. :)


Baciamo le mani...

lunedì 24 dicembre 2007 Posted by Freddy at 16:55 0 comments

Don't do drugs...

...or you'll look dumb.

venerdì 21 dicembre 2007 Posted by Freddy at 08:37 7 comments

Da Altrairlanda con furore

Dopo la lettera a Italians che ha regalato al blog i suoi 15 minuti di fama (lettera di cui non siamo gli autori... ma sembra essere un concetto troppo difficile da capire...), sul forum di Altrairlanda appare ad un certo punto questo commento da parte di uno degli utenti:
David, non te la prendere. Quel blog è razzista. Uso il termine letteralmente. Gli ho dato solo un'occhiata ieri, brevemente (sinceramente ci sono cose più interessanti da leggere nel Web) e ho pensato cosa avrebbero scritto i tipi se invece di stare in Irlanda da qualche mesetto fossero invece in Nigeria, o in Israele. Da brivido.
Penso non ci siano altri commenti da fare.

Lascio sul blog della signora in questione un commento ad un suo post esistenziale in risposta alla sua supposizione che suonava piu' o meno cosi':

"Mi piace cio' che scrivi [nel blog], mi piace un po' meno che tu mi dia del razzista.
Non solo sono stato in posti poveri o problematici come Congo, Nigeria, Sri Lanka, Israele e Palestina, ma non ho avuto niente di cui lamentarmi. [...] Preferisco mille volte l'umanita' di un palestinese a..." e qui non ricordo cosa ho scritto visto che sono passate diverse settimane. Forse qualcosa sull'arroganza degli italiani a Dublino, forse qualcosa su come i locali trattano gli immigrati. Ma veramente non ricordo.

Non solo il commento e' stato cancellato (ma era suo diritto farlo) e definito "avvelenato", ma sono anche stato accusato su Altrairlanda di aver imbrattato il SUO blog quando lei non si era azzardata a fare altrettanto con il mio (ma smerdarmi altrove evidentemente e' OK) e che se voglio dibattere lo devo fare su Altrairlanda:

Questo post è un'invettiva, quindi vi avverto che è al vetriolo
Gli autori del blog di barbaropoli ci leggono (probabilmente lurkers) e, ahimé, non hanno il coraggio di rispondere alle critiche che gli sono state fatte qui sul forum, di fronte a tutti. Invece uno di loro ha imbrattato il MIO di blog personale con un commento che non aveva nulla a che vedere con l'articolo a cui era stato postato. Ovviamente, dato che quello è il MIO blog, gliel'ho cancellato immediatamente.
Dato che io non ho vergogna, rispondo qui pubblicamente agli autori di barbaropoli: io sul vostro blog non ho scritto nulla, quindi vi prego di astenervi dallo scrivere sul mio. Se vi da' fastidio la mia critica (razzismo, sì la ribadisco senza problemi) dibattetela qua. Sennò ciao e grazie, vivo benissimo anche senza leggere le vostri idee (infatti il vostro blog NON lo leggo, gli ho dato solo un'occhiata incuriosita da questo topic).

Beh, scusate, ma a me personalmente di registrarmi su Altrairlanda non me ne frega niente, e lo leggo solo quando me lo trovo come referrer per qualche motivo. Quindi c'e' poco da meravigliarsi se ho letto i thread dove si parla del blog ("gli autori del blog di barbaropoli ci leggono" MA VA?!?) .

Non e' che con me non ci possa essere dialogo, ma visto come e' stata attaccata Delirii, utente di Altrairlanda, solo per aver detto che ho il diritto di scrivere quello che mi pare, proprio non ci tengo a farmi insultare da quattro fanatici col prosciutto sugli occhi...

Realityshow magari potrebbe essere interessato ad interagire, ma tempo fa chiese una informazione banale tipo "quanto e' sicuro andare in moto sulle strade in irlanda?" e le risposte furono tutte tipo: "Innanzitutto non credere che in italia la sicurezza stradale sia meglio bla bla bla, qua in irlanda almeno bla bla bla, italia merda, estero tutto cool...".

E incarnando il perfetto stereotipo dell'italiano a Dublino la signora in questione mi ha ovviamente invitato a trasferirmi in Palestina, visto che preferisco l'umanita' dei palestinesi, e a rivolgermi ad un terapista.

Come se gli altri italiani all'estero abbiano chissa' quale diritto su Dublino e un qualche tipo di potere divino su chi non la pensa come loro...

Cordialmente e senza vergogna: andate a fare in culo.

Buon natale.

giovedì 6 dicembre 2007 Posted by Freddy at 22:19 26 comments

Accettate i vostri difetti

Alain scrive senza peli sulla lingua quello che pensa, si vede che qualcuno l'ha trattato da povero immigrato ignorante...


Cara Irlanda,

L'Orgoglio Irlandese e' meravigliosamente rinomato in tutto il mondo e vorrei capire perche': la vostra squadra di calcio fa schifo, da sempre, ma quando perde reagite come se fosse un fatto inaspettato (tra l'altro, i tre vecchi saggi su RTE2 dopo la partita potrebbero fare a meno di spiegare e blaterare per un'ora di cose che tutti hanno capito gia' mentre la stavano guardando).

Le vostre donne competono ogni fine settimana per il titolo "La ragazza piu' nuda, volgare e provocante d'irlanda" (Britney e Christina ci guadagnano un sacco di soldi a fare cosi'!). Ragazze, che ne dite di bellezza, eleganza e classe?

Le vostre infrastrutture vengono da un altro secolo! E quelle baracche che chiamate case come fanno a essere cosi' costose?

La vostra varieta' culinaria e' di un livello cosi' basso che non avete mai sentito parlare di "Hyper-Market".

Voi "nuovi ricchi" spendete tutti i vostri soldi in automobili (il peggior investimento di tutti i tempi!) per guidare tanto velocemente e aggressivamente quanto il vostro egocentrismo si va diffondendo.

Continuate a trattare gli stranieri con condiscendenza solo perche' il loro inglese non e' perfetto, e sappiamo tutti come le parole possano essere armi... continuate a fare i furbi... ma mentre uno impara [lo straniero], l'altro [l'irlandese] sguazza nella sua arrogante ignoranza. Benvenuti in Europa ragazzi!

Avete tanta di quell'acqua che vi viene giu' dal cielo che vi affogate nella birra come eterni teenagers!

Non fraintendetemi, qui ho incontrato persone meravigliose e mi sono anche divertito un paio di sere al pub! Quelle di cui sopra sono solo alcune cose su cui dovreste lavorare un po'... ogni paese ha i suoi difetti, quindi per favore accettate i vostri.

Adesso me ne ritorno nel mio confortevole paese [la Francia] pieno di scioperanti pigri e rivoltosi senza cervello.

Alain.

Essere diversi vuol dire...

Sentirsi chiamare:

Sfigato
Razzista
Nazista
Portatore d'odio
Celolunghista
Celodurista
Persona di merda
Testa di cazzo
Uno che si sente superiore agli altri
Stronzo
Uno che... gli altri non capiscono un cazzo
Frustrato
Coglione
Pieno di pregiudizi (senza conoscere il significato della parola pregiudizio)
Inetto

E sicuramente molto altro di cui non ho avuto ancora il dispiacere di leggere.

Tutto questo da gente che semplicemente non e' daccordo con quello che scrivo, da gente che e' talmente idiota da pensare che mi sveglio la mattina digrignando i denti e che passo 24 ore a imprecare e a lamentarmi di quanto mi faccia schifo dublino.

Gente che pensa che passo 12 ore al giorno a scrivere sul blog o a fare foto o a scovare lo schifo nei posti piu' impensati.

Beh, sorpresa, tutto il materiale lo pesco durante il tragitto casa-ufficio e ritorno, per il resto basta aprire un quotidiano.
Non ci sono fotosafari organizzati al fine settimana, non ci sono piani a lungo termine e complotti per smerdare dublino (dublino si sporca benissimo da sola ogni giorno) e non c'e' neanche accanimento, altrimenti invece di 7-10 post al mese ce ne sarebbero 30 e farei fotosafari nei vicoli pur di scrivere qualcosa.

Grazie a tutti per avermi dimostrato calorosamente quanta intolleranza c'e' la fuori (poi il nazista sarei io).

E grazie ovviamente a chi mi sostiene.

Per chiudere positivamente ieri ascoltavo alla radio la presenzazione del budget 2008.

Il governo stima che verranno creati 72.000 posti di lavoro l'anno prossimo e che c'e' in programma tutta una serie di investimenti che coinvolgeranno infrastrutture, trasporti (potenziamento di LUAS, Commuter e intercity) e sanita'.

Sicuramente c'e' la volonta' di cambiare e di restare al passo, mi dispiace di non aver sentito nulla a proposito di aiuti a poveri e senzatetto, ma potrei essermelo perso (non ho fatto in tempo a sentire la presentazione dall'inizio).

martedì 4 dicembre 2007 Posted by RealityShow at 19:22 40 comments

Un paio di considerazioni

EDIT by Freddy:
----
A seguito dell'esposizione mediatica ricevuta da questo blog da parte della rubrica "Italians" del Corriere della sera, esposizione di cui siamo "vittime" e non artefici come qualcuno ha scritto altrove, vengono fatte le seguenti precisazioni:


Gli autori del blog sono due, Freddy e RealityShow, non si tratta quindi di qualcuno che soffre di personalita' multiple.

Questo blog e' stato aperto da me, Freddy, dopo nove mesi di disservizi di vario tipo causati dal personale della mia stessa azienda, di banche, societa' del gas, societa' elettrica, societa' della carta di credito, provider internet e via dicendo. Qualche mese dopo RealityShow, avendo ricevuto lo stesso trattamento ed avendo sperimentato lo stesso pressappochismo sia in ambito pubblico che privato, si e' fatto avanti come autore.

Non ci siamo quindi svegliati una mattina con l'idea di screditare Dublino, come molti affermano o con l'intento di diffondere odio, razzismo e simili concetti come alcuni dei commentatori scrivono pur di darci addosso.

Se vi piace Dublino o l'Irlanda, e' inutile che veniate qua con la presunzione di convincerci a forza che e' un posto magico e bellissimo.

Come chi ha il diritto di scrivere quanto e' bella Dublino, noi abbiamo tutto il diritto di andare controcorrente.

E' anche inutile che veniate a dirci di andare a vivere altrove oppure di tacere.
Non ci stanno facendo lavorare per motivi umanitari e visto che paghiamo le tasse senza usufruire di nessuno dei servizi messi a disposizione dallo stato, abbiamo tutto il diritto di lamentarci delle molte cose che non vanno.

Non diteci che sputiamo nel piatto in cui mangiamo, perche' insultereste solo la vostra intelligenza: le aziende per le quali lavoriamo grazie al nostro lavoro e al lavoro di altri "emigrati" come noi si mettono in tasca qualche milione di euro l'anno e il governo irlandese di riflesso ne beneficia.

Ma soprattutto non venite a farci la morale dall'alto della vostra conoscenza dei fatti data da una settimana di vacanza a Dublino, standovene seduti su un divano in italia.
----

RealityShow:
Dopo aver letto piu' e piu' commenti di italiani e irlandesi vorrei esprimere un paio di considerazioni che evidentemente vengono travisate dai piu'.

I miei post su questo blog non sono rivolti a screditare l'Irlanda, che ci si creda o meno.

Primo: io vivo a Dublino e quindi sono in grado di riferire le mie impressioni solamente su questa parte di questo Paese ed infatti i post e i relativi commenti non sono quindi rivolti all'Irlanda in generale, poiche' non avendo esperienza sufficente non posso esprimere pareri su quello che non conosco.
Concordo quindi con la persona che ha scritto in un commento che una citta' non rappresenta un Paese, e forse in Irlanda e' particolarmente cosi'.

Secondo: che ci crediate o meno le mie esternazioni non sono rivolte a denigrare questo posto, bensi' a far scendere dalle nuvole quelli che pensano che qui sia il paradiso in terra.

Se una persona mi domanda se e' bello stare in Italia io rispondo elencando i pregi e i difetti, non solamente i pregi, invece nei vari siti (in italiano) sparsi su internet si fa una descrizione clamorosamente unilaterale in cui Dublino e' un luogo quasi fiabesco e indimenticabile.
Come non e' fiabesca e indimenticabile Roma per certi versi (lo e' per altri) Dublino non fa eccezione, pero' pare che questo sia l'unica fonte di informazioni per chi, non attratto solamente da lavoro, soldi e birra, cerca informazioni piu' approfondite sull'altra faccia della medaglia.

Mille motivi per andare via...

Da espatriato non posso che sentirmi male leggendo l'ennesimo articolo che evidenzia la penosa situazione in cui versa la ricerca italiana.

E non posso fare a meno di sentirmi triste pensando a quanti italiani si sono distinti nel mondo grazie ai soldi di qualche altro paese e a quelli che restando in italia devono pagarsi di tasca propria provette e reagenti.

Che poi chi e' che dimostra coraggio? Chi lascia tutto pur di poter fare con mezzi adeguati quello per cui ha studiato tutta la vita o chi resta accontentandosi di uno stipendio da fame e lotta quotidianamente per tirare avanti con i pochi mezzi che ha a disposizione?

A volte mi chiedo stupidamente a che pro sudare sangue sui libri prima e fare la fame poi, quando un Costantino qualunque senza saper fare assolutamente niente guadagna in un giorno molto di piu' di quello che un ricercatore italiano guadagna in un mese...

domenica 2 dicembre 2007 Posted by RealityShow at 18:39 27 comments

Indicazioni di... intelligenza?

Altri esempi di indicazioni che mi e' capitato di vedere solo qui, e non ci sono solamente in luoghi pubblici, ce ne sono di affini anche all'interno di aziende private e istituti di un certo prestigio...



Indicazioni chiare

Questo cartello mi ha lasciato quantomeno perplesso...





Ora io capisco che ogni Paese ha leggi piu' o meno varie sulla segnaletica stradale, ma a quanto mi risultava nella maggior parte dei Paesi Europei il cartello rotondo bianco e rosso indica un cartello di proibizione, o comunque di indicazione negativa, anche se non e' barrato con la riga rossa diagonale.

Se io fossi un disabile non parcheggerei la macchina li' per paura di un trabocchetto :-)