domenica 28 ottobre 2007 Posted by Freddy at 22:39 0 comments

Mi dia due ana per favore...

Ci lascia Guido Nicheli colpito da ictus.
Io me lo ricordo cosi':


giovedì 25 ottobre 2007 Posted by Freddy at 22:59 0 comments

Idiocracy

I Britannici si difendono bene:



Ma gli Americani la fanno da padroni. Notare la signora che va in iperventilazione quando le chiedono che valuta si usa negli UK e l'incontro con il "primo ministro" Australiano:



Occhio a quando invitano a identificare gli stati sull'atlante perche' i nomi sono rimescolati di volta in volta per vedere se qualcuno si accorge che c'e' qualcosa che non va.
Nota di colore nessuno fa una piega perche' di solito i libri di geografia USA coprono dettagliatamente solo gli USA stessi, mentre il resto del mondo e' una massa di territori senza nome.

Per chi volesse dare un'occhiata alla situazione pietosa in cui si trova il sistema scolastico USA che i nostri politici si sono tanto compiaciuti di aver copiato anni fa, consiglio questo altro video:



Purtroppo ormai sono cosi' anche le nostre scuole (l'italia e' al 30esimo posto nel test del servizio)...

Per chi si domandasse il perche' di questo post, stavo semplicemente cazzeggiando su youtube, quindi fatevi quattro risate che vi fa solo bene. Ovviamente per fare audience probabilmente hanno messo in onda le risposte dei piu' idioti..

Se siete turbati dal contenuto del post, se siete offesi, se non ritenete giusto ridere alle spalle degli ignoranti sfogatevi pure nei commenti che saranno tutti pubblicati, oppure cambiate canale.

Se qualcuno ha filmati del genere per altri paesi, me li segnali (vedro' di trovare quello delle iene con le domande ai nostri politici).

Saluti.

lunedì 22 ottobre 2007 Posted by Freddy at 09:56 0 comments

La citta' piu' sporca d'Europa

Alla faccia di chi sostiene che Dublino e' un posto pulitissimo e di chi mi attaccava tempo fa, ecco i risultati di uno studio promosso dall'IBAL (Irish Business Against Litter), notare la parola "Irish" nel nome.




Per i non anglofili:
Dublino e' un porcile, ed e' anche un porcile caro.
Uno studio dell'IBAL (Irish Business Against Litter) mette in evidenza che Dublino e' la citta' piu' sporca d'europa benche' sia una delle piu' care.
Confrontata con altre nove grandi citta' tra le quali Riga, Vienna, Strasburgo, Colonia, Barcellona, Copenhagen, Zurigo, Stoccolma e Amsterdam, Dublino si e' scoperto essere senza dubbio la citta' piu' lurida.
[...]
Benche' ci sia stato un miglioramento, Dublino e' ancora indietro rispetto ad altre citta' del continente [...] non c'e' motivo per cui non possa essere alla pari con le altre citta'[...].
Dublino e' anche l'unica citta' ad avere una sorta di "area nera": le strade attorno a Croque Park, l'area peggiore tra le 200 esaminate nettamente in contrasto con la maggior parte degli stadi [delle altre citta'] presi in esame dallo studio.

Sarebbe interessante fare un confronto tra Dublino e alcune delle citta' del cosiddetto terzo mondo, ma non credo che il risultato cambierebbe molto...

venerdì 19 ottobre 2007 Posted by Freddy at 17:04 1 comments

Gli immigrati sono piu' acculturati degli irlandesi.

Stando all'analisi dei risultati del censimento dell'anno scorso, il 38.3% degli immigrati ha una qualche specializzazione post diploma, laurea breve o specialistica ("education to college or university standards") mentre la percentuale di irlandesi che ha un qualche tipo di educazione "di terzo livello" (cioe' oltre le "scuole superiori") e' appena del 28.2%.

Prendendo in esame solamente gli immigrati dall'Unione Europea (britannici esclusi), la percentuale sale al 58.3%, mentre prendendo in esame solamente gli immigrati dagli Stati candidati all'annessione all'Unione Europea ("accessions states"), si scende al 23.9%.

(Nota di servizio)
Ovviamente per il mio property manager il povero ignorante sono io, chissa' che divertimento quando gli dovro' telefonare per informarlo che l'impianto di riscaldamento ultramoderno, ma progettato col culo, di cui il mio appartamento dispone mi sta intasando i termosifoni d'aria di nuovo. E che voglia di spaccargli la faccia che mi verra'...

Speriamo che qualche vicino di casa minacci di fargli causa anche quest'anno cosi' magari il problema si risolve rapidamente...

P.S. A beneficio dei soliti buonisti rompicoglioni, il titolo e' tratto da Metro Ireland.

giovedì 18 ottobre 2007 Posted by Freddy at 13:09 2 comments

Come possiamo non aiutarla?

Ed ecco a voi l'ennesimo episodio di incompetenza made in ireland...

Mi servono informazioni da una nota universita' di dublino. Spulcio tutto il sito e trovo piu' o meno tutte le informazioni che mi servono tranne alcune. Decido quindi di scrivere un'email e metto in moto senza volerlo un meccanismo perverso degno di Ai confini della realta'.

Notate la data, e' l'otto di ottobre.

- Come da istruzioni del sito istituzionale scrivo direttamente al responsabile.

- Dopo 3 giorni senza ottenere risposta scrivo alla segreteria mettendo in copia il responsabile. Quattro ore dopo mi arriva dalla segreteria come risposta un "out of office", dal responsabile il nulla.

- Dopo altri 3 giorni mi risponde dalla segreteria un tale Joe dicendomi che solo il responsabile ha le risposte che cerco e di farmi comunque risentire via email se non ottengo risposta entro lunedi sera (il 15). Lo ringrazio e gli dico che lo terro' informato.

- Il 16, non avendo ricevuto ancora risposta dal responsabile, ricontatto tale Joe e qualche ora dopo vengo premiato con un altro "out of office" dalla segreteria. Dal responsabile niente anche questa volta.

- Il 17 visto che non si fa sentire nessuno, scrivo di nuovo alla segreteria e al responsabile una email che suonava piu' o meno cosi:
Gentili signori, dopo 9 giorni e svariate email mi sembra di capire che non avete interesse a fornirmi le informazioni che ho richiesto. Vi auguro tutto il bene possibile. Cordiali saluti.

A questo punto si sconfina nel surreale:

Cinque minuti dopo ricevo una email da parte del responsabile che mi dice che non ha mai ricevuto email da me (cioe' su 5 email 4 si sarebebro "perse" nonostante le ricevute dal server), nota bene che da questo momento in poi ogni email a lui indirizzata viene magicamente ricevuta, letta ed eventualmente evasa.

Che fossero i puffi/elfi/nani nel server che mi facevano i dispetti fino al giorno prima?

Dopo altri 10 minuti inizio a ricevere le seguenti email dalla segreteria, evidentemente scritte da persone diverse:

- Avrebbe dovuto scrivere direttamente al responsabile, questo non e' l'indirizzo adatto...
Risposta: Ci ho provato fin dall'inizio e l'ho sempre messo in copia in tutte le comunicazioni successive e non e' servito a nulla.

- Joe si e' fatto in quattro per aiutarla, di piu' non poteva fare...
Risposta: Apprezzo lo sforzo, ma se farsi in quattro significa tenermi informato su quante e quali ferie prendono gli impiegati, forse farsi in quattro non e' abbastanza. La prossima volta suggeritemi direttamente di usare il telefono e il fax cosi' evitiamo tutti di perdere tempo.

- Mi scusi tanto se le sto rispondendo via email, ma sa sono in ferie e le sto rispondendo a mia discrezione e usando il mio tempo...
Risposta: Apprezzo lo sforzo, ma se invece di polemizzare mi aiutaste sarebbe meglio. Tra l'altro ogni volta che ricevo una risposta da chiunque nella segreteria l'indirizzo email nel campo from e' sempre inesistente. Fa parte dello sforzo anche quello? Dopotutto sto scrivendo al dipartimento di Computer Science, non all'istituto d'arte, quindi mi perdonera' se mi aspetto che l'email sia usate come strumento di lavoro e che gli indirizzi a cui rispondere non siano inventati ogni volta.

Evidentemente devo aver "inconsapevolmente" scritto qualcosa di particolarmente toccante perche' non solo hanno cambiato tono, ma mi sono arrivate piu' o meno tutte le informazioni che mi servivano.

Ho ringraziato gentilmente e ho detto che eventualmente li avrei ricontattati in futuro, rigorosamente per telefono o di persona.

La ciliegina sulla torta me l'ha fornita il responsabile rispondendomi che per mia comodita' invece di venire di persona, posso usare l'email nella sua pagina personale.

La stessa fottuta email che avevo usato all'inizio.

Dopo questo episodio credo di aver capito perche' gli irlandesi sono pressappochisti e superficiali al lavoro: glielo insegnano all'universita'.

Mentre scrivo questo post mi e' arrivata una email da Joe che si scusa profondamente per l'accaduto e per il comportamento dei suoi colleghi e mi fornisce l'email del responsabile (sempre la stessa di prima).

Ancora una volta l'email proveniva da un indirizzo inesistente il che mi fa pensare che non c'e' speranza...

mercoledì 17 ottobre 2007 Posted by Freddy at 12:26 0 comments

Armiamoci e partite.

A quanto pare sembra che finalmente ci si sia resi conto che mentre la criminalita' "lavora" con mezzi e violenza "adeguati" ai tempi, la polizia rimane anacronisticamente fedele a convinzioni e codici d'onore da primi del '900.

Ci si e' resi conto in sostanza che la paura dell'uniforme blu e del manganello non bastano piu' a combattere efficacemente la criminalita' e che forse e' arrivato il momento di armare tutti gli agenti in servizio (i detective e le squadre speciali lo sono gia').

Se andiamo a cercare i motivi per i quali gli agenti vanno in giro disarmati, si delinea una situazione tragicomica (bastoni contro pistole e fucili) e l'inadeguatezza delle forze dell'ordine nei confronti dei criminali.

Questo e' tratto da http://www.garda.ie/angarda/faq.html:

Do the Gardaí carry firearms?

Uniformed members of the Force do not carry firearms. This has been the situation since 1922 when the first Commissioner, Michael Staines, declared "The Garda Síochána will succeed not by force of arms or numbers, but on their moral authority as servants of the people".

There are approximately 1,700 Detective Gardai around the country who carry firearms and always work in plain clothes. These members work closely with their uniformed colleagues and are available as armed backup whenever the need arises.

We have a very low level of armed crime in this country. As our Commissioner recently pointed out we do not live in a "gun culture" society.

Self defence training forms part of our training at the Garda College. All officers on patrol carry handcuffs and a baton for use against violent persons.

Adesso il problema piu' grande sembra essere quello di conciliare la necessita' di difendersi con quella di non fare "brutta figura" con l'irlanda del nord.

La repubblica d'irlanda e' riuscita infatti dopo lunghe ed estenuanti trattative a sono anni che porta avanti trattative per convincere l'irlanda del nord a disarmare la propria polizia e sarebbe disdicevole se adesso si decidesse di capovolgere la situazione.

Come al solito la domanda e' sempre la stessa: non potevano pensarci prima?

lunedì 15 ottobre 2007 Posted by Freddy at 11:00 0 comments

L'economia rallenta: niente tagli sulle tasse.

Un breve riepilogo da Metro di oggi.

Tempo fa il ministro dell'economia aveva ventilato la possibilita' di portare le tasse oltre i 36k euro dal 41% al 40%. Il rallentamento dell'economia sfortunatamente rende impossibile adottare questo cambiamento.

Il portavoce del Labour party afferma che:
L'economia irlandese sta attraversando un periodo di assestamento ed e' importante che ci si preoccupi di contenere la crescita delle spese, ad esempio controllando come vengono amministrati i vari uffici (dipartimenti) pubblici.

Sembra che si debba far fronte ad un miliardo di euro di mancati introiti dovuti, molto probabilmente, alla flessione del mercato immobiliare (ricordo che il governo ha favorito e favorisce la speculazione edilizia grazie alla quale guadagna fino al 28% su ogni immobile venduto).

Curioso che quando un anno fa dicevo che l'economia era traballante e che le prospettive non erano rosee mi si prendesse per il culo...

sabato 13 ottobre 2007 Posted by Freddy at 22:02 1 comments

Inceneritori irlandesi...

Mi e' caduto l'occio su questo articolo che parla della necessita' di avere inceneritori per riciclare i rifiuti. Ce ne sono gia' due in avanzata costruzione, si pensa di costruirne "solo" altri due nell'area di Dublino.

Sembra che anche qui la gente si opponga e che anche qui il governo se ne fotta e vada avanti. Curioso che alcuni si preoccupino piu' del traffico dovuto al viavai di camion che di morire a causa delle sostanze sprigionate dall'immondizia incenerita.

Per maggiori informazioni sugli inceneritori, che non sono necessariamente il male ma che sono solitamente costruiti con tecnologie obsolete , vi consiglio la lettura del blog di Michele: http://blog.libero.it/joiyce/

Aggiornamenti tecnici

Per quei quattro affezionati che mi leggono, ho messo mano al layout del blog e ho aggiunto alcune funzionalita' interessanti:
  • Lista dinamica dei referrers: se un sito mi linka e qualcuno segue il link, il sito in questione apparira' nella lista dinamica dopo qualche ora.
  • Una mappa per visualizzare la provenienza dei vari visitatori
  • Il feed di Feedburner e' stato sostituito con un altro feed (sempre su Feedburner), c'e' un redirect dal vecchio feed al nuovo per 30 giorni, poi dovrete aggiornare la sottoscrizione.
Saluti e baci.

mercoledì 10 ottobre 2007 Posted by Freddy at 09:46 0 comments

Curiosita' da Metro

Metro oggi titolava in prima pagina:
Call for army to take on gangland

Il ministro della giustizia potrebbe prendere in considerazione la possibilita' di mandare l'esercito a combattere le gang per le strade. Ammette pero' che i soldati non sono addestrati a compiti di polizia.

Il portavoce della giustizia (?!?) gli risponde che e' un'idea ridicola e fa una controproposta molto ma molto piu' intelligente: rimpiazzare i 4000 poliziotti che sono "incatenati" alle scrivanie con civili in modo da avere piu' poliziotti da mandare per le strade.

Spray al pepe e manette dalla parte dei buoni (solo "l'elite squad" gira armata) contro pistole semiautomatiche, mitragliette e fucili d'assalto dalla parte dei cattivi: forse dovrebbero chiamare l'A-Team...

Continuando la lettura abbiamo poi:
Economy struggling,
but Ahern confident

Un euro piu' forte e un rialzo dei costi hanno indebolito la competitivita' irlandese sui mercati internazionali e la crescita della produttivita' diventa ora vitale per l'economia del paese.

L'irlanda non e' piu' un'economia a basso costo... L'economia e' forte, pero' siamo in un periodo di transizione. Bisogna attuare politiche fiscali "prudenti". Queste le parole dell'indagato Ahern.

Certo, il gettito fiscale e' diminuito per via della flessione del mercato immobiliare e ci si aspetta una flessione del PIL di un paio di punti per il 2008. Che le grandi corporation paghino una fesseria in tasse e che se la gente smettesse di comprare casa l'economia sarebbe in ginocchio fa niente, non e' rilevante.

Pero' gli irlandesi sono belli e bravi e se la caveranno anche se il governo ha gia' bruciato 3 miliardi di euro in piu' rispetto al budget previsto per quest'anno e anche se sono gia' previsti investimenti a medio termine per altri 10 miliardi di euro, piu' gli altri 6 di cui parlavo qualche giorno fa.

Il ministro dell'economia giorni fa disse "Un po' di overspending non ha mai fatto male a nessuno", oggi curiosamente c'era un articolo dove si menzionava uno studio secondo il quale il 70% di chi fa debiti e' malato di mente. Non posso che concordare...

Sulle pagine della posta un lettore chiede quando si fara' qualcosa di concreto per combattere la criminalita', ma c'e' anche dell'umorismo: in risposta alla proposta di un lettore di mettere una tassa per gli ombrelli portati da persone sotto il metro e ottantacinque (pericolosissime armi pronte a sfigurare e accecare il prossimo), un altro lettore propone di istituire la tassa sulla stupidita'.

Questa si' che darebbe una spinta all'economia...


lunedì 8 ottobre 2007 Posted by Freddy at 13:10 0 comments

Centosettantamila calci nel culo...

Da un survey di una organizzazione "no profit" emerge un dato shockante: il ricarico su un appartamento "medio"del valore di 335k euro (si parla solitamente di buchi da 45 mq) e' pari a 170k euro.

L'appartamento di cui sopra costa al costruttore 165k euro. E si parla comunque di una qualita' costruttiva pari se non inferiore alle case costruite in italia tra gli anni 60 e gli anni 70 durante il boom economico.

Ma basta metterci due mobili luccicanti presi da argos e un microonde e voila': "fitted to the highest standards".

Secondo me gli highest standards sono altri, ma qua e' come essere al polo nord e vedere che tutti i giorni c'e' un esquimese che si compra il frigorifero...

giovedì 4 ottobre 2007 Posted by Freddy at 13:22 3 comments

ISP for dummies

Eircom, il monopolista telefonico locale, ha distribuito 250.000 router con chiavi crittografiche WEP derivate dal MAC address. Informata del possibile "buco" di sicurezza, ha preferito far finta di niente.

The Register ha un articolo sul problema in questione, altri articoli si possono trovare facilmente googlando per eircom+security.

Per chi fosse interessato ad un approfondimento tecnico, qui c'e' un articolo con tutta la teoria e i sorgenti per ottenere un bel keygen.

Aggiungerei anche un paio di cose di cui mi ero gia' accorto un anno e mezzo fa: questi apparati supportano il WPA ma sono distribuiti configurati per usare chiavi WEP e una volta all'interno dalla LAN seduti sul divano della *COUGH* *COUGH* casa di fronte, ci si accorge che non c'e' neanche una password di amministrazione settata.

Analogamente Magnet preferisce usare chiavi WEP che iniziano con "MAGNET-" e finiscono con parte del numero di serie del router, numero di serie e non MAC address per fortuna.

Anche se il router e' protetto da password in 5 minuti di lavoro 5 e' (era) possibile accedere alle configurazioni di tutti gli utenti nella stessa subnet e carpire, ad esempio, non solo la chiave WEP dell'apparato ma anche i dati di autenticazione verso il gateway VOIP nonche' tutti i numeri di telefono delle varie utenze nella subnet. Inutile aggiungere dettagli, chi sa qualcosa di provisioning remoto ha gia' capito di che parlo.

Interpellati sulla questione WEP mi dissero prima che qualcuno avrebbe dovuto stazionare per giorni sotto casa mia (ma perche' fare wardriving se te ne puoi stare seduto sul divano e bucarmi la rete nella comodita' di casa tua in 40 minuti scarsi?) e che poi tanto pochi sarebbero stati in grado di craccare la chiave e che no, non potevano ne' abilitarmi il WPA (piu' sicuro e difficilmente crackabile), ne' darmi la password per farlo da solo. Inutile dire che mi sono comprato un router tutto mio su cui avere controllo completo.

Questi sono solo due esempi di come qui le cose vengano fatte approssimativamente... volendo si potrebbe parlare di NTL o RIPware (mai nome e' stato tanto azzeccato), ma si ride piu' o meno allo stesso modo...

Da notare che per sviluppare il broadband i soldi glieli abbiamo dati noi grazie a finanziamenti milionari della comunita' europea (circa 70 milioni di euro se non ricordo male).

Il risultato e' che alcune "broadband" vanno a 18 ricchi kbytes al secondo, altre smettono di funzionare nel week end, altre soffrono di problemi di settaggi lato provider...

Ma tanto nessuno si lamenta e anche se qualcuno lo facesse il ComReg sostanzialmente non solo ha mani e piedi legati, ma ha anche un cetriolo su per il culo e nulla puo' fare.
Quindi alla fine il servizio in generale fa cagare, ma va bene a tutti. Un altro modo di vedere la faccenda e' che hanno quello che si meritano.

Per chi se lo chiedesse, l'italia con tutti i suoi problemi e le inefficienze di/causate da telecom e' anni luce avanti, il che e' tutto dire.

mercoledì 3 ottobre 2007 Posted by Freddy at 17:00 0 comments

Tutta da leggere...

La posta di Metro di oggi e' tutta da leggere, si parla di ragazze vestite male, geografia, sport, sporco, treni, pecore, il monopoli e di una modella onnipresente...


E a proposito di sporco, il tizio della posta si riferisce a episodi tipo questo e quest'altro...

lunedì 1 ottobre 2007 Posted by Freddy at 12:07 0 comments

This action cannot be completed

Una delle tante installazioni pubbliche colpite da instabilita'.